online store for every kind of maker

Costruire una stampante 3D: la scheda, Marlin e l’Arduino IDE

Costruire una stampante 3D: la scheda, Marlin e l’Arduino IDE

arduino-ide-firmware-marlin

La scheda, il firmware Marlin e l’Arduino IDE

A partire da questo secondo appuntamento (trovi il primo qui) cominceremo a mettere le mani sull’hardware: come già avremo intuito ci serviranno una scheda elettronica per stampanti 3D. Noi utilizzamo, in ordine di semplicitá (e di costo) crescente, la printrboard, la sanguinololu, la minitronics – io mi trovo benissimo e la nostra stampante in progress utilizza questa soluzione – e la megatronics per macchine con 2 o 3 estrusori). Marlin è compatibile con tantissime schede, e non ci saranno problemi a partire correttamente con la scheda scelta.
In questo articolo faremo però riferimento ad una delle più usate in assoluto, la Arduino mega 2560 in accoppiamento con lo shield Ramps 1.4.
Il firmware Marlin si può scaricare da qui: scaricate il file zip e szippatelo da qualche parte.
La IDE Arduino è un ambiente di sviluppo, con tutte le necessarie funzionalità integrate nella sua interfaccia, per sviluppare istruzioni per i microcontroller, come nel caso del nostro firmware. É lo standard in moltissimi progetti, non solo nelle stampanti 3D. la IDE è nata insieme al primo Arduino, il famoso Arduino Uno, che trovate in offerta nel nostro piccolo store qui.
Scegliete la versione corretta per il vostro computer e sistema operativo, scaricando il tutto da qui; installate la Arduino IDE e fate partire l’applicazione.
Dobbiamo indicare all’ambiente quale scheda stiamo usando, e visto che programmeremo sulla mega 2560, selezioniamo tools/board/Arduino mega 2560.
Ci sono schede per stampanti 3D che non sono incluse nel pacchetto con il quale si presenta l’Ambiente Arduino: seguendo la Wiki della vostra scheda troverete l’ambiente giusto (faccio un esempio pratico: per programmare una Printrboard con Atmel AT90USB1286 abbiamo trovato dopo un po’ di ricerche online una versione pronta dell’ambiente, con precaricata tutta la famiglia delle schede Teensylu; oppure per una Sanguinololu abbiamo utilizzato l’ambiente Arduino 0023).
Ah! un appunto importante: se state facendo delle modifiche ad una scheda acquistata con un kit o con una stampante Open Source, prima di caricare nuovo firmware assicuratevi di aver trovato online o in altro modo un backup di quello che attualmente è sulla scheda, così da poter sempre tornare alla situazione iniziale..

Qui trovate il link alla Minitronics V1.1 e alla Megatronics V3.1 nel nostro piccolo store: sono entrambe schede che utilizziamo per le nostre stampanti 3D, ci troviamo benissimo e le loro caratteristiche valgono la lettura.

Per comodità, ecco qui i link a tutti i post pubblicati fino ad ora di questo minicorso:

Costruire una stampante 3D: guida al firmware Marlin, parte prima
Costruire una stampante 3D: la scheda, Marlin e l’Arduino IDE
Costruire una stampante 3D: configurazioni generali Marlin
Costruire una stampante 3D: l’indispensabile arma dei commenti nel codice
Costruire una stampante 3D: controllare la temperatura con Marlin
Costruire una stampante 3D: come configurare gli endstop?
Costruire una stampante 3D: capire la direzione dei motori stepper
Costruire una stampante 3D: configurare gli assi

0 Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non c'è bisogno del permesso di nessuno per fare grandi cose. Massimo Banzi