online store for every kind of maker

MKZpost - Curiosità e innovazione

Arriva in Italia la nuova bici-cargo elettrica da 1.499 euro

bici_cargo_elettrica_redwagon4

È elettrica, raggiunge i raggiungere i 25 km/h e trasporta fino a 158 kg. La nuova bici-cargo RadWagon 4 prodotta dalla statunitense Rad Power arriva anche in Italia a un prezzo sicuramente interessante: 1.499 euro.

 

In tempi di Covid-19 sono tante le realtà che hanno dovuto attrezzarsi per le consegna a domicilio e molte di esse manterranno questo servizio anche in futuro. È destinata anche a loro la nuova bici-cargo RadWagon 4 prodotta dalla statunitense Rad Power e ora disponibile anche per il mercato europeo (Italia compresa) a un prezzo di lancio decisamente interessante: 1.499 euro.

RadWagon 4 è dotata di pedalata assistita e può raggiungere i 25 km orari, grazie a un motore da 750 W e 80 Nm di coppia; ha una capacità di carico fino a 158 kg e la sua batteria agli ioni di litio da 672 Wh garantisce fino a 88 km di autonomia.

La buona notizia è che anche per l’acquisto di RadWagon 4 è possibile avvalersi del bonus bicicletta varato dal Governo qualche settimana fa e che prevede un contributo pari al 60% della spesa sostenuta che non sia superiore ai 500 euro per l’acquisto di biciclette (anche a pedalata assistita), monopattini e, più in generale, di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica.

Il bonus – che, ricordiamo, è disponibile per tutti coloro che sono residenti in comuni capoluoghi di Regione o di provincia (anche con meno di 50mila abitanti) e in comuni che fanno parte di una Città Metropolitana (anche se con meno di 50mila abitanti) – non prevede limiti di reddito, è retroattivo al 4 maggio ed è valido fino al 31 dicembre 2020 (salvo termine del fondo di 120 milioni di euro dedicato).

0 Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non c'è bisogno del permesso di nessuno per fare grandi cose. Massimo Banzi